Appel à communications: Gender Relations in Urban Contexts

CALL FOR PAPERS. “ Genesis”  2015, 2

Across Cities

Gender Relations in Urban Contexts

“Genesis”,  the Journal of the Italian Association of Women Historians invites contributions for a forthcoming issue on gender relations in urban contexts.

In  past years the study of urban contexts through an approach focused on the use of cities as resources has contributed to reshaping aspects of labour history, family and kin relations, and of social and geographical mobility as well as rethinking the intersection of public and private.  Since then, national history has progressively lost its centrality, in favour of transnational and comparative approaches, and the search for connected histories. This has introduced a broad set of changing analytical scales requiring new theoretical and methodological instruments in the study of micro/macro interactions.

Open processes of urbanization,  the agency of people moving and resettling have contributed to a redefinition of notions of space and  boundaries, relentlessly crossed both in a physical, material and symbolic sense.  Small , medium-size and large cities therefore appear as locations of both migration and settlement and  moving  across the urban space is strictly connected to material and social contexts.  The gendered organization of urban social relations influences the ways in which  individuals construct the material and symbolic space they experience.

We encourage the submission of papers researching and analysing the gendered intersections of urban spaces and their transformations in a long diachronic perspective from the Middle Ages to the XXI century.  While welcoming interdisciplinary contributions, we give priority to those taking into account a historical dimension.

We are especially interested in papers addressing:

– The changing boundaries between different cultures, the crossing of identities and belongings, liminal stages and cultural, religious, political, ethnic and generational hybridities; intersectionality integrating multiple and plural experiences

-Multilocal networks that connect, support, attract, control and redistribute moving subjects such as artisans and workers (standard and non-standard), shopkeepers, clerks, domestic servants, slaves, prostitutes, migrants, converts, minorities, marginal figures, communities in and beyond the city, young and  old people and people committed to institutions.

-The urban dimension of dislocation connected to global chains of care work, as well as temporary urban aggregations of diasporic networks.

-The transformation of urban spaces due to changing material conditions and to the changing life style of individuals and groups.

-The various life strategies deployed in the context of specific limitations influencing choices, life courses and the gendered urban imaginary. Cities act as a permanent pole of attraction for migrating people and for individuals searching for new opportunities.

Proposals must contain: an abstract (no more than 300 words) and a short cv and must be e-mailed by November 20, 2014 to the editors: Anna Badino badinoanna@hotmail.com ; Ida Fazio ida@internetpiu.com ; Fiorella Imprenti fiorella.imprenti@gmail.com  . They shall communicate by December 20, 2014  if the articles submitted have or not been selected for publication.  Articles selected for publication

( no more than 60.000 types including spaces and footnotes) must be sent in by March 15, 2015 and will then be submitted to a double blind referee.

Texts in Italian, English, French and Spanish will be considered for publication.

 “Genesis. Rivista della Società Italiana delle Storiche” invita a presentare contributi per un numero monografico sulle  relazioni di genere nelle città, dal titolo Attraverso le città.

Negli anni passati lo studio dei contesti urbani e dell’uso della città come risorsa da parte delle donne ha contribuito a rivedere profondamente temi di storia del lavoro, delle relazioni di parentela, della mobilità territoriale e sociale, dell’articolazione tra pubblico e privato. Da allora, la ricerca ha posto nuove questioni. La dimensione sovranazionale, di storia comparata e di connected history ha introdotto una gamma più ricca di scale di interazione che connettono il locale al sovralocale, richiedendo anche riflessioni teoriche e metodologiche sul rapporto tra indagine micro e macro. Il carattere aperto dei processi di urbanizzazione, il ruolo attivo dei protagonisti degli insediamenti e degli spostamenti hanno ridisegnato i concetti di spazio e di confine, continuamente riattraversati, o compresenti, tanto su un piano materiale che  simbolico e  culturale. Le città, grandi medie e piccole, emergono come luoghi assieme di attraversamento e di radicamento, attraverso i quali si disegnano percorsi strettamente connessi con l’ambiente fisico e sociale. L’organizzazione di genere delle relazioni sociali urbane influenza i rapporti tra la dimensione individuale e i suoi spazi di riferimento, materiali e immateriali.

Sollecitiamo la presentazione di ricerche e analisi sulle forme e i luoghi delle articolazioni  di genere e le loro trasformazioni nelle città, che indaghino – anche alla luce di incroci disciplinari, purché in prospettiva storica, tra medioevo e età contemporanea:

La ridefinizione dei confini tra culture diverse, le sovrapposizioni e gli intrecci di identità e  appartenenze, le liminalità e le ibridazioni culturali, religiose, politiche, etniche, generazionali; la dimensione dell’intersezionalità che integra orizzonti multipli e lealtà plurali.

Le reti di relazione, anche plurilocali, che nelle città connettono, sostengono, attraggono, smistano,  controllano soggetti in movimento come lavoratori stabili o precari, dell’artigianato o del commercio al dettaglio, impiegati, servi, schiavi, prostitute, migranti, convertiti, minoranze, figure ai margini, comunità intra ed extraurbane, gruppi giovanili, anziani, soggetti istituzionalizzati.

La dimensione urbana delle dislocazioni, delle catene della cura globali, le aggregazioni temporanee di reti diasporiche.

Le trasformazioni dello spazio connesse ai mutamenti delle condizioni materiali e ai  cambiamenti negli stili di vita di soggetti e gruppi.

La varietà di strategie adottate e la presenza dei diversi vincoli che influenzano le scelte, i percorsi, l’immaginario dei generi  nelle  città, costante polo di attrazione e di transito di popolazione e soggetti in cerca di nuove opportunità.

Le proposte dovranno contenere: un abstract (300 parole al massimo);  un breve profilo scientifico di autrici/autori; e dovranno pervenire entro il 20 novembre 2014 alle curatrici del numero, Anna Badino badinoanna@hotmail.com ; Ida Fazio ida@internetpiu.com ; Fiorella Imprenti fiorella.imprenti@gmail.com

L’eventuale accettazione verrà comunicata entro il 20 dicembre 2014

Gli articoli selezionati per la pubblicazione (max 60.000 caratteri, spazi e note incluse) dovranno essere consegnati in forma definitiva entro il 15 marzo 2015 e saranno sottoposti a peer review, anonimo nei due sensi.

Saranno presi in considerazione per la pubblicazione articoli in Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo


Stéphane Frioux

Maître de conférences en histoire contemporaine, université Lyon 2 Chercheur au LARHRA, UMR CNRS 5190

More Posts

Stéphane Frioux

Maître de conférences en histoire contemporaine, université Lyon 2 Chercheur au LARHRA, UMR CNRS 5190

Vous aimerez aussi...

1 réponse

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *